New York Times, più di 1 milione gli abbonati all’edizione digitale. Il paywall funziona, utili in crescita per lo storico quotidiano di NY

Sono passati più di quattro anni da quanto il New York Times ha lanciato la modalità paywall per i contenuti della sua versione online.

Il 30 luglio è stata superata la cifra record di 1 milione di abbonati, cifra a cui bisogna aggiungere anche tutti gli 1,1 milioni di utenti che pagano per ricevere in abbonamento l’edizione cartacea del giornale e che, di conseguenza, hanno accesso anche a tutti i contenuti digitali.

Mark Thompson, presidente e amministratore delegato di New York Times Company, ha dichiarato che si tratta di una pietra miliare per le nostre attività digitali, lanciate nel 2011 e che hanno continuato su una traiettoria di crescita forte e costante. Ci mette in una posizione unica tra i fornitori globali di informazioni. Siamo convinti che nessun’altra organizzazione abbia raggiunto un numero di abbonati digitali o ricavi da abbonamenti digitali come i nostri.

Sì perché anche i guadagni del New York Times sono in crescita (avevamo già parlato di come gli abbonamenti digitali avessero letteralmente “salvato” i conti del NYT), nonostante la crisi che ha investito il mondo dell’editoria dopo l’avvento della rivoluzione digitale: gli utili nell’ultimo anno sono arrivati a 16,4 milioni con una crescita del 78%, mentre i ricavi hanno subito un calo dell’1,5% assestandosi a quota 382,9 milioni.

Annunci