Quotidiani, cronaca di una morte annunciata: negli Stati Uniti soltanto 2 quotidiani superano le 500mila copie al giorno.

Brutte notizie per la vecchia editoria, ovvero quello che punta ancora sulla carta stampata.

Come scive Richard Tofel,presidente di ProPublica e già assistant publisher del Wall Street Journal e, ancora prima, assistant managing editor, vice president, corporate communications per Dow Jones, negli USA soltanto 2 quotidiani superano le 500mila copie al giorno.

Il pezzo, intitolato molto chiaramente The sky is falling on print newspapers faster than you think continua dicendo che soltanto 7 quotidiani vendono più di 250mila copie e una ventina supera la soglia delle 100mila copie.

Numeri che devono far riflettere profondamente, soprattutto se confrontati con il milione di abbonati digitali del New York Times.

L’analisi di Tofel su questi dati è molto chiara: l’emorragia di lettori per i quotidiani cartacei continuerà ancora e sarà inarrestabile, contrariamente a quanto si credeva e cioè che ormai il numero di lettori affezionati alla carta fosse destinato a rimanere costante.

Annunci