Cambio epoca per Google che sarà una delle aziende di Alphabet, la nuova holding company che gestirà quella che ormai è a tutti gli effetti un’azienda-stato

Alphabet è il nome della nuova holding company quotata in borsa creata da Sergey Brin e Larry Page, i fondatori di Google.

Una mossa che ha lasciato tutti spiazzati dato che Google non sarà più l’azienda di riferimento per tutte le strategie del gruppo, ma una controllata di Alphabet (che sostituisce a tutti gli effetti Google in borsa).

È stato proprio l’enorme e continuo ramificarsi delle aree di interesse di Google a rendere necessaria questa mossa strategica che, a vedere dai primi risultati, è stata subito premiata dagli investitori, anche se è nato un piccolo giallo perché sembra che il marchio Alphabet sia di proprietà della BMW.

Alphabet-tutto-quello-che-c-e-da-sapere-sulla-nuova-azienda-che-ha-inglobato-Google-logo-google

Nuovo assetto societario

Una rivoluzione societaria dettata dall’esigenza di rendere più semplici e trasparenti una serie di attività sempre più differenziate.

Con questa mossa di fatto Google resterà il punto di riferimento per il mondo del web (adv e sviluppi futuri di Youtube su tutto, per ora…), mentre Alphabet comprenderà anche tutti gli sviluppi e i campi in cui si sta spingendo la ricerca di quella che era la “vecchia” Google.

Non c’è campo in cui Alphabet non potrà operare, come del resto lascia intendere molto chiaramente il suo nome: dalla A alla Z.

Larry Page ha commentato così la nascita di AlphabetAbbiamo sempre creduto che nel tempo le società tendono a sentirsi a proprio agio facendo le stesse cose, compiendo cambiamenti solo in incrementi. La nostra azienda sta funzionando bene oggi, ma siamo convinti che possiamo renderla più trasparente e comprensibile.

Alphabet-tutto-quello-che-c-e-da-sapere-sulla-nuova-azienda-che-ha-inglobato-Google-logo-alphabet

Di cosa si occuperà Alphabet?

Quali sono le attività “esterne” alla rete di cui si occuperà Alphabet? Ad oggi, solo per citarne alcune, ci sono Google Ventures, Google Capital, Google X, Calico, Nest,Google Fiber…

E poi il progetto della cosiddetta Google Car a cui si sta lavorando da anni. Se volete saperne di più vi consigliamo di leggere l’ottimo post di Alessio Caprodossi su Wired, Cosa fa Alphabet e cosa resta di Google.

Ottimo anche Francesco Zaffarano su LaStampa.it con Le 5 cose da sapere su Alphabet, la nuova società che rivoluziona la galassia Google.

Sul Corriere delle Comunicazioni infine interessante analisi di Francesco Radicati, convinto che con questa mossa Alphabet potrà lavorare meglio sul mercato cinese, la vera sfida del futuro per tutte le big company.

Annunci