Mondadori acquisice aNobii, il social network nato nel 2006 con più di un milione di utenti dedicato al mondo della lettura

Mondadori ha ufficializzato l’acquisizione di aNobii, social network nato nel 2006 ad Honk Kong dedicato al mondo della lettura che vanta più di 1 milione di utenti nel mondo (oltre 300mila soltanto in Italia).

Mondadori acquisisce aNobii, il social network mondiale dedicato ai lettori
Uno screenshot della mia libreria su aNobii

L’acquisizione di aNobii, che ultimamente girava molto a rilento a causa di una serie di problematiche tecniche, in primis quella di non riuscire a trovare un modello di business efficace, è senza dubbio un’ottima mossa da parte della casa editrice di Segrate, sulla scia dell’operazione fatta da Amzon l’anno scorso con l’acquisto di Goodreads (altra piattaforma online per lettori forti che però ha un’utenza prevalentemente statunitense).

Per Mondadori si aprono dunque scenari sicuramente molto interessanti, dato che acquisire aNobii significa anche mettere le mani su quella che oggi è la più grande e importante community di lettori forti in Italia, significa avere dati preziosi su cui lavorare, significa avere un confronto diretto con chi in Italia i libri li legge e li compra.

Infine va sottolineata l’importanza strategica di una mossa del genere anche in chiave internazionale e di mercato: è bello vedere un’azienda italiana che si muove sul mercato digitale acquisendo una realtà importante (anche se ultimamente un po’ in stallo).

Peccato soltanto che non sia stata resa nota la cifra totale dell’operazione, elemento che avrebbe sicuramente contribuito a rendere più golosa la notizia anche per chi non è interessato ai libri. Non so se il motivo sia quello di evitare problemi con il fisco italiano, oppure la cifra pagata non era abbastanza alta per far notizia (soprattutto dopo i 19 miliardi sborsati da Facebook per Whatsapp). Per quanto riguarda il marketing abbiamo ancora molto da imparare dagli americani.

Ecco la dichiarazione di Greg Sung, il fondatore di aNobii, che accoglie tutti gli utenti che entrano oggi nel sito:

Siamo entusiasti di annunciare che Anobii entra a far parte del Gruppo Mondadori. La nostra missione è da sempre quella di dar vita a una comunità dove i lettori di tutto il mondo possano condividere, approfondire e alimentare la loro comune passione per la lettura e i libri. Con questo accordo abbiamo finalmente le risorse per portare avanti questa missione in modo ancora più incisivo. Presto vi racconteremo lo sviluppo del progetto e io sarò personalmente in Italia nei prossimi giorni per rispondere a tutte le domande e le curiosità. Se volete parlarne su Twitter, l’hashtag è naturalmente #anobii.

Il comunicato stampa ufficiale sul sito di Mondadori

Annunci