Francia e Germania dichiarano guerra a Amazon, che ha qualche problemino anche in casa. Ma la gente snobba la politica e continua a scegliere di acquistare sul portale di Jeff Bezos.

Tra Amazon e l’Europa è ormai guerra aperta: Francia, Germania, Italia… tutti contro il portale di e-commerce più grande e potente del mondo. Peccato che poi gli utenti alla fine se ne freghino dei tentativi politici di bloccare la concorrenza e il libero mercato (quello vero) e alla fine scelgano sempre di più di acquistare su Amazon.

Il punto è sempre lo stesso: per anni gli editori hanno lasciato che Amazon facesse quello che volesse felici di incassare. Adesso però che si sono resi conto che il colosso di Jef Bezos è diventato più potente di loro e può dettare le regole sono andati nel panico. Credo che si tratti del più grande esempio di miopia imprenditoriale di tutti i tempi, dato che quello che era successo con la musica poco prima avrebbe dovuto insegnare qualcosa.

Se infatti il mondo della musica è stato travolto e in parte distrutto dal fenomeno mp3-iTunes-iPod senza nemmeno rendersene conto, per il mondo del libro le cose sono un po’ diverse dato che c’era stato perlomeno un precedente. E infatti il Cinema ha imparato la lezione, facendo morire senza troppi proclami il settore dell’home-video e puntando tutto su un’esperienza insostituibile e su nuovi canali distribuitivi digitali.

Ta l’altro non capisco perché tutti si disperino per la chiusura e la sparizione delle librerie mentre nessuno ha detto una sola parola per l’estinzione delle videoteche: ma i film non sono forse un prodotto culturale di qualità? Perché per i librai tutti gli “intellettuali” (sic) si mobilitano a ripetizione mentre per i gestori di videoteche nemmeno una parola? Ma sì, sono tutti falliti e ormai ci sono in giro più cabine telefoniche che videoteche, ma di loro non frega niente a nessuno. Perché nessuno mi viene a parlare del profumo delle videocassette o dei dvd?

Amazon in guerra contro mezza Europa (alla faccia del libero mercato)

È più importante il contenuto o il contenitore?

Resto dell’idea che se gli editori sono convinti che Amazon non sia un partner corretto e affidabile potrebbero tranquillamente togliere tutti i loro libri dallo store di Jeff Bezos: perché non lo fanno? Se a determinare le vendite è il contenuto e non il contenitore una volta tolti i libri da Amazon i lettori li acquisteranno nella loro libreria di fiducia, o nello store dell’editore.

Questo però non succederà mai perché la differenza la fa il contenitore e non il contenuto: se il lettore medio non trova su Amazon un determinato libro non lo va a cercare da un’altra parte, si limita a comprarne un altro. Questa è una legge che vale per tutti i settori  quando si vogliono fare numeri molto grandi, con le dovute eccezioni riservate alle nicchie.

Ecco perché Amazon può permettersi di fare la voce forte con Hachette e con i vari governi: perché sa di essere più brava degli altri a vendere i prodotti, sa che gli editori in questi anni hanno investito zero nel creare una loro rete di vendita, nella profilazione dei loro utenti, nell’analisi del mondo al di fuori delle mura della loro casa editrice, immobili nel reiterare uno schema consolidato convinti che il mondo non sarebbe mai cambiato.

Torniamo però al punto principale del nostro post e cerchiamo di capire come si sta muovendo Amazon nei vari fronti di guerra aperti negli ultimi mesi.

Amazon in guerra contro mezza Europa (alla faccia del libero mercato) Francia

Francia

Quello francese è da sempre il mercato più protezionista dell’Unione Europea, alla faccia dei trattati internazionali e delle chiacchiere politiche. Quando c’è da fare gli interessi di casa propria i francesi tirano dritto senza guardare in faccia a nessuno. E infatti è stata varata nei giorni scorsi la cosiddetta legge anti-Amazon,

Si tratta infatti di una legge anti-storica che punta in maniera spudorata a favorire le librerie fisiche a danno di quelle digitali dato che viene impedito il cumulo delle spese gratuite con lo sconto del 5% sul prezzo di copertina. Protezionismo allo stato puro nei confronti di una categoria ben precisa che, non si capisce bene per quali motivi, deve godere di privilegi maggiori rispetto ad altre categorie. E stiamo parlando di una legge approvata all’unanimità.

E tutto questo nell’indifferenza totale dei consumatori nei confronti di queste scelte politiche, dato che anche in Francia come in tutto il mondo le librerie fisiche sono in grande crisi dato che i lettori preferiscono acquistare online. Non si vuole capire che le librerie oggi sono in crisi perché è un mondo intero che non, da un punto di vista economico, non è più sostenibile. L’editoria continua a ragionare in termini di non-mercato e il risultato è che produce beni che sono totalmente fuori dal mercato dal punto di vista dei costi aziendali.

Amazon in guerra contro mezza Europa (alla faccia del libero mercato) Germania

Germania

Anche i librai tedeschi ce l’hanno con Amazon. la Börsenverein (l’associazione degli editori e dei librai tedeschi) ha infatti denunciato l’azienda di Jeff Bezos per violazione della normativa antitrust.

Secondo gli editori tedeschi Amazon avrebbe ritarderebbe le spedizioni dei libri fisici per favorire la vendita degli ebook o per ottenere dagli editori una percentuale maggiore sulle vendite del digitale. Amazon invece sostiene che si tratta semplicemente di una scelta strategica per ridurre i costi del magazzino evitando le giacenze evitando di sobbarcarsi dei costi di magazzino di titoli poco richiesti.

Amazon in guerra contro mezza Europa (alla faccia del libero mercato) USA

Stati Uniti

Negli Stati Uniti è stato bocciato il sistema Prime Air: la FAA ha infatti proibito l’utilizzo di velivoli senza piloti per scopi commerciali. Quindi se dovete usare un drone per bombardare o ammazzare vittime militari o civili, o se lo volete usare per spiare qualcuno va benissimo, ma niente consegne a domicilio, con gran sollievo di tutti i pony express del mondo, per non parlare dei porta pizza.

Il tanto discusso servizio Prime Air, che avrebbe portato i pacchi a casa dei clienti in soli 30 minuti grazie a un drone automatizzato dunque non potrà vedere la luce in tempi brevi. Il regolamento verrà infatti rivisto nel 2015. Questa comunque non è assolutamente un’azione contro Amazon, dato che i droni negli USA sono moto diffusi per operazioni di ogni tipo e stanno iniziando a diventare un problema per il traffico aereo civile.

Personalmente sono convinto che tutta la storia dei droni fosse una trovata puramente pubblicitaria, e in ogni caso è con trovate di marketing indiretto come questa che Amazon riesce a garantirsi una pubblicità enorme. Era abbastanza scontato che una proposta del genere venisse lasciata passare dalle istituzioni, però alla fine Amazon è comunque sulla bocca di tutti.

Investire su uno sviluppo tecnologico fantascientifico si è dimostrato un sistema di marketing eccezionale, con i media sempre più alla ricerca di notizie freak e insolite da dare in pasto al loro pubblico annoiato dal piattume orizzontale della comunicazione. Perché non importa che se ne parli bene o male, l’importante è che se ne parli.

Annunci