Chronicae, Festival Internazionale del Romanzo Storico, sarà il primo festival letterario trasmesso in Mondovisione: dal 6 al 9 aprile a Piove di Sacco e… su Facebook!

Cosa possono avere in comune un festival letterario e l’innovazione digitale? Molto più di quanto si creda. Esemplare il caso di Chronicae, Festival Internazionale del Romanzo Storico, che quest’anno sarà il primo festival letterario ad essere trasmesso in diretta in mondovisione grazie a Facebook live streaming.

Fino a poco tempo fa un esperimento del genere sarebbe stato davvero difficile, non tanto per un discorso tecnico ma per ovvi motivi di budget: troppo costoso farlo in tv, ma anche un servizio streaming avrebbe avuto costi enormi di banda in caso di alta affluenza del pubblico.

Grazie al servizio streaming di Facebook invece oggi è tutto più semplice e così anche per gestire un servizio di broadcast worldwide sono sufficienti uno smartphone, una buona connessione, un po’ di fantasia e la voglia di mettersi in gioco, qualità che non mancano certo alla crew di Sugarpulp che da un po’ di anni a questa parte si distingue per il modo sempre innovativo e pop di gestire la comunicazione degli eventi culturali.

Trasmettere live su Facebook oggi significa parlare ad un pubblico potenziale di 1 miliardo e 800 milioni di utenti, con buona pace delle Tv tradizionali che forse non hanno ancora ben realizzato la portata rivoluzionaria di questa innovazione.

Gli incontri letterari del festival

Simon Scarrow, autore britannico con più di 5 milioni di copie vendute in tutto il mondo con le sue serie di romanzi ambientati nell’Antica Roma, sarà il protagonista della serata di venerdì 7 aprile (appuntamento al Teatro Filarmonico di Piove di Sacco alle 21.00, prenotazioni aperte su Eventbrite).

Come da tradizione uno dei main event del festival sarà dedicato all’approfondimento giornalistico: dopo gli incontri con Roberto Giacobbo e Paolo Mieli delle precedenti edizioni quest’anno Alan Friedman racconterà l’America di Donald Trump. Peraltro l’appuntamento con il giornalista e saggista statunitense, fissato per sabato 8 aprile, è già quasi esaurito (tutti gli eventi sono ad ingresso libero ma è possibile prenotare il proprio posto gratuito su Eventbrite).

Alex Connor e Matteo Strukul infine chiuderanno il festival domenica 9 aprile: l’autrice inglese, tornata in libreria con Il dipinto maledetto dopo il successo internazionale di Cospirazione Caravaggio, dialogherà con il direttore artistico del Festival che è stato il grande protagonista dell’ultima stagione editoriale con la sua celebrata trilogia dedicati ai Medici, che peraltro gli ha permesso di entrare nella sestina dei finalisti del Premio Bancarella (anche per questo evento prenotazioni aperte su Eventbrite).

Tanti altri appuntamenti dedicati ai libri, come l’incontro sul thriller storico con Daniela Piazza e Valeria Montaldi di domenica 9 aprile (ore 18.00, Auditorium Papa Giovanni Paolo II, è possibile prenotarsi qui), e l’anteprima de I Padroni dell’Acciaio con Gabriele Zweilawyer e Francesco Saverio Ferrara, autori di uno dei progetti di crowdfunding italiano di maggior successo su Indiegogo grazie ad un volume capace di fondere narrazione storica e illustrazione (ore 17.00, Auditorium Papa Giovanni Paolo II, è possibile prenotarsi qui).

Non solo libri

Tra gli appuntamenti da segnalare di questa terza edizione c’è poi l’Accampamento Militare Medievale a cura della Compagnia della Torlonga che animerà il centro storico di Piove di Sacco sabato 8 aprile, così come il percorso pedonale tematico di domenica pomeriggio attraverso la città di Piove a cura del Gruppo Archeologico Mino Meduaco in collaborazione con CTG, Rainrunners e Brenta Sicuro.

Ma anche la cena medievale organizzata dal CTG giovedì 6 aprile, che di fatto aprirà il festival, e poi gli incontri dedicati alle scolaresche (venerdì e sabato mattina), i laboratori tematici per bambini (domenica 9 aprile, 15.30, Biblioteca Diego Valeri) e l’inaugurazione della mostra a storico-archeologica “La Guerra dei Confini: 1372-1373. Gli scontri tra padovani e veneziani nel Pievado di Sacco” a cura del Gruppo Archeologico Mino Meduaco, che presenterà i risultati della sua lunga ricerca in una conferenza sabato 8 aprile (15.30, Auditorium Papa Giovanni Paolo II).

 

Trovate maggiori info e dettagli sul sito ufficiale del Festival.

Annunci