I film Disney saranno disponibili sia iTunes che su Google Play ed inoltre potranno essere visti su dispositivi Apple e Google a prescindere dallo store in cui sono stati acquistati

Da sempre Apple e Google combattono una dura lotta sull’esclusività dei contenuti digitali offerti ai clienti dei loro store. Del resto quello dei contenuti esclusivi sarà sempre più il tema centrale dello scontro tra i grandi big, Amazon in testa.

Disney Movies Aniwehere riesce a mettere d'accordo Google e Apple - Guardiani della Galassia

La Disney però sembra essere riuscita a mettere d’accordo Apple e Google: non solo tutti i film Disney, Pixas e Marvel saranno in vendita sia su iTunes Store che su Google Play, ma chi avrà acquistato un film su Google Play potrà poi guardarlo tranquillamente anche su un iPad; viceversa chi utilizza iTunes per i suoi acquisti poi potrà utilizzare il suo contenuto digitale anche su un tablet Nexus. Tutto questo grazie all’app Disney Movies Anywhere disponibile sia sull’App store di Google che su quello di iTunes.

Si tratta di una grande novità dato che fino a questo momento chi acquistava contenuti video o audio su iTunes Store poteva poi utilizzarli soltanto su iPhone, iPad, iPhone o su computer (Mac o Windows). Lo stesso succedeva per chi acquistava contenuti digitali da Google Play.

I grandi beneficiari di questo accordo sono gli utenti, dato che fino a ieri c’era il problema che chi passava da Android a Apple e viceversa perdeva la gran parte dei contenuti acquistati in precedenza. Ora invece le library personali degli utenti potranno essere mantenute anche dopo aver cambiato dispositivi.

Disney Movies Aniwehere riesce a mettere d'accordo Google e Apple 01

Grande soddisfazione anche da parte degli studios di Hollywood dato che il blocco dei contenuti era considerato (giustamente) un forte freno allo sviluppo del mercato digitale dei film.

Personalmente però credo che se la banda larga si svilupperà a dovere (e se punterà su prezzi più concorrenziali) Youtube potrebbe diventare il vero leader del settore dato che può contare su un bacino di utenti sterminato, oltre al fatto che il concetto di library personale sta sempre più scomparendo a favore della fruizione in streaming.

Annunci