Residenza Digitale, tutti la vogliono anche se nessuno ha ancora capito bene a cosa serva (nemmeno il Governo Estone che l’ha inventata)

Vi segnaliamo l’articolo di Carlotta Balena su StartUp Italia con l’intervista a Taavi Kotka, il Chief Information Officier del governo estone:

L’Estonia, a dicembre 2014, ha lanciato un progetto per concedere la e-residency, la residenza digitale, a tutti gli stranieri che ne facciano richiesta. Kotka ha seguito il progetto, e lo descrive come farebbe qualcuno che ha fatto una scoperta straordinaria e non vede l’ora di raccontarla a tutti. In effetti, l’Estonia è la prima nazione al mondo a fare qualcosa del genere.

“[…] In Estonia l’unica cosa di cui hai bisogno è la tua ID card e il tuo telefono. Con queste due cose posso fare praticamente tutto, compresi i pagamenti: abbiamo creato un’infrastruttura digitale che rende inutili tutte le altre tessere. E ora abbiamo deciso di aprire i nostri servizi digitali anche al resto del mondo”.

Nei primi 5 mesi del progetto della e-residency, il governo ha ricevuto e approvato 2.500 richieste di e-residents pronti a diventare cittadini digitali estoni. “La folla è arrivata due settimane fa, quando abbiamo aperto il portale, da dove si può fare richiesta. Tra quelli già approvati ci sono anche 39 italiani” mi comunica Kotka guardando i dati dal suo laptop […]
Annunci