«Nel mondo di oggi essere un giornalista non ben alfabetizzato con la tecnologia», scrive il Guardian, «è come essere un pilota che non è bravo ad atterrare».

Il titolo dell’articolo la dice lunga:  The media has two tribes, but there’s only one winner.

È un passaggio semplice ed efficace. E anche importante per le sue implicazioni. Stanno cambiando i tempi, sta cambiando la professione, sta cambiando il modo in cui la gente accede alle notizie.

E questo obbliga i giornalisti a cambiare, ad aggiornare molto le competenze, le skill necessarie per continuare a essere competitivi e consapevoli nel proprio lavoro.

Il «mestiere così come lo conoscevamo» serve sempre. È sempre molto importante. Ma non basta più.

A mio modo di vedere ci sono almeno 5 aree su cui la competenza del giornalista, oggi, deve aggiornarsi ed entrare in «apprendimento continuo».

Leggi tutto l’articolo di Giuseppe Granieri sul sito de L’Espresso

Annunci