«Quando diciamo di possedere una copia di un libro (o di un CD)», spiega Patry, «ci riferiamo ad un oggetto fisico». E l’idea attuale di copyright deriva da questa concezione, così la domanda che dovremmo porci riguarda la definizione di leggi che proteggano il copyright in un mondo senza copie». E purtroppo non c’è evidenza, suggerisce l’autore, «del fatto che vi sia una effettiva volontà politica di immaginare una legislazione adatta al ventunesimo secolo».

Leggi tutto l’articolo di Giuseppe Granieri su LaStampa.it

Annunci