Contenuti digitali, crescono audio e video

È diminuito il numero di utenti per i contenuti digitali, anche se aumenta il tempo medio. Bene audio e video, in lieve calo il gaming.

Dopo l’abbuffata da lockdown diminuisce il numero di utenti che utilizza contenuti digitali, anche se la spesa globale cresce. È questo in estrema sintesi il risultato emerso dall‘Osservatorio Digital Content promosso dalla School of Management del Politecnico di Milano, presentato in occasione del convegno “Dalla pandemia al New Normal: l’evoluzione del settore dei contenuti digitali”.

Complessivamente gli italiani hanno speso 3.3 miliardi di euro per contenuti digitali nel 2022, con un aumento del 12% rispetto al 2021. Informazione e intrattenimento sono i filoni principali per cui gli italiano spendono quando si parla di contenuti digitali.

Un mercato raddoppiato in 5 anni

In termini assoluti diminuiscono gli utenti ma aumenta il tempo medio di utilizzo e il volume di affari, come abbiamo appena sottolineato. Se andiamo a guardare il periodo pre-pandemia il mercato dei contenuti digitali a pagamento è raddoppiato.

Samuele Fraternali, direttore dell’Osservatorio Digital Content del Politecnico di Milano, ha sottolineato come «il numero di utenti italiani che dichiarano di fruire di contenuti digitali nel 2022 ha registrato nel complesso una riduzione che ha interessato quasi tutti gli ambiti, ad esclusione dei podcast e degli audiolibri. Nel post pandemia il consumatore finale trascorre meno tempo a casa e preferisce attività più fisiche. D’altro canto, però, i consumatori più fedeli hanno incrementato il tempo medio dedicato alla fruizione di contenuti online».

I numeri del mercato digitale italiano

Il 45% degli utenti internet italiani utilizza contenuti a pagamento, sia attraverso formule in abbonamento che attraverso altre forme di acquisto. Il servizio più acquisto è quello video: il 42% degli utenti internet italiani spende soldi per guadare contenuti video di vario tipo (soprattutto canali in streaming).

Il cosiddetto Video Entertainment è cresciuto del 33% rispetto al 2022, ed è secondo soltanto al gaming in termini di volumi di spesa. Il gaming online in Italia vale 1.5 miliardi di euro, ovvero quasi il 50% del mercato, ma ha fatto registrare per la prima volta un lieve calo (-1%).

Il settore dell’audio (musica, audiolibri e podcast) è cresciuto del 24% rispetto al 2022, anche se mantiene un volume minore all’interno del mercato digitale.

Più modesta invece la crescita del settore informazione e eBook che arriva a un valore complessivo di 164 milioni di euro per una crescita del 2%.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...