«Vogliamo fare i soldi quando le persone usano i nostri device, non quando li comprano». La filosofia del numero uno di Amazon Jeff Bezos è tutta qui, e una parola la definisce ancora meglio: piattaforma. L’evento di giovedì a Santa Monica non ha rappresentato solo il lancio di un lettore per ebook e di una nuova famiglia di tablet, ma il punto di arrivo di una azienda che è nata con il commercio elettronico vendendo libri, si è allargata ad altre categoria merceologiche, è passata poi ai beni digitali, ai servizi di cloud fino ad arrivare a produrre i propri device.

Quella di Amazon non è stato un salto verso l’elettronica, ma la naturale evoluzione di un gigante della logistica in media company. Ed è tutta qui la vera differenza tra il nuovo Kindle Fire Hd e l’iPad: nelle origini delle due aziende, nel mondo dal quale provengono. Jeff Bezos per quanto si sia occupato a lungo di computer science si è dedicato ai network e al commercio. Steve Jobs invece è stato nell’elettronica fin dall’inizio, un maniaco del design e del prodotto. I loro tablet riflettono queste differenti personalità.

Leggi tutto l’articolo di Luca Tremolada su IlSole24Ore.it

Annunci