Mentre in Italia la discussione del mondo editoriale si divide tra legge Levi e Manifesto TQ (sic!), ignorando di fatto o quasi l’editoria digitale o, peggio, snobbandola in maniera superficiale, dagli Stati Uniti arrivano notizie che dovrebbero far riflettere gli addetti ai lavori (ma non solo). Visti dalla provincia infatti gli USA sembrano vivere davvero in un’altra dimensione spazio-temporale, per lo meno per quanto riguarda l’editoria digitale. Ma iniziamo a pensare che sia sbagliato parlare di “editoria digitale” quando si analizza il mercato USA dato che ormai gli ebook in particolare e le nuove frontiere dell’editoria digitale in generale sono ormai una realtà consolidata del mercato editoriale tout court.

La notizia è questa: il New York Times riporta uno studio della Association of American Publishers assieme alla Book Industry Study Group che dimostra come dal 2008 a oggi le vendite dei tascabili sono crollate del 14%. Chi ci ha guadagnato in questo scenario? Gli ebook, naturalmente.

Negli USA di fatto stiamo assistendo ad un superamento della fase di dibattito sull’ebook e sull’editoria digitale: qui non c’è niente da dibattere, non ci sono scenari ipotetici futuri da prevedere, ma c’è un mercato concreto da analizzare.

Una realtà di fatto che lascia poco tempo alle previsioni apocalittiche degli scettici o dei presunti guru dell’editoria nostrana: oggi il lettore ha la possibilità di scegliere in piena libera in che modo e su che supporto leggere i propri autori preferiti, e l’ebook è già adesso una possibilità concreta.

Poi si può stare a discutere del sesso degli angeli ma i discorsi filosofici intorno al concetto stesso di libro di carta, di papiro, digitale o quel che l’è oggi come oggi lasciano davvero il tempo che trovano. Il lettore vuole leggere, alla fine poco importa dove o come. Ogni singolo lettore effettuala sua scelta personale: tascabile, edizione rilegata, brossurata, ebook, audiolibro in cd, audiolibro in digitale. C’è chi ama leggere in treno, chi in tram, chi sul divano, chi a letto… Ogni scelta è legittima e più che giustificata nel momento in cui soddisfa in pieno le esigenze del lettore di turno. E’ tutto molto semplice, se non addirittura banale.

Annunci